Disforia: Giani, ‘Da relazione su ispezione osservazioni costruttive’

Condividi

Il presidente della Regione Toscana: “E’ una relazione che è assolutamente ordinaria, come accade per tante prescrizioni che il Ministero può fare a centri di avanguardia e di alto livello come quello che abbiamo a Careggi”

“Ritengo che l’onorevole Gasparri debba fare una grande analisi di coscienza. Oggi, finalmente, ho letto la relazione del Ministero. E’ una relazione che è assolutamente ordinaria, come accade per tante prescrizioni che il Ministero può fare a centri di avanguardia e di alto livello come quello che abbiamo a Careggi. Io sono nel cuore di quelle famiglie che si sono sentite offese dalla strumentalizzazione elettorale che è stata fatta, anticipando una relazione, non capisco con quali modalità, perché che arrivi prima ad un parlamentare che fa un’iniziativa elettorale, rispetto ai destinatari che sono Asl e Regione, è uno sgarbo istituzionale che rivela davvero una volontà di strumentalizzare una cosa che poi non esiste”. Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, parlando con i giornalisti a proposito della relazione sull’ispezione ministeriale del 23 e 24 gennaio 2024 all’azienda ospedaliero-universitaria fiorentina Careggi per il centro che si occupa dei pazienti in età evolutiva con disforia e incongruenza di genere. “Quali sono le osservazioni della relazione? Il neuropsichiatra? Lo metteremo a giorni. E le altre prescrizioni le raccolgo come osservazioni costruttive – spiega Giani – ad un centro che non viene messo in discussione e offre una risposta al disagio di tante famiglie che non cercano nel modo più assoluto nessuna forma di amplificazione mediatica di una situazione di grave delicatezza che vivono col proprio figlio nella propria famiglia. Insomma davvero lascia stupiti e amareggiati una strumentalizzazione perché tra due mesi ci sono le elezioni”

Fonte immagine: https://citynews-firenzetoday.stgy.ovh/~media/horizontal-hi/8090936287611/careggi-foto-da-facebook-2.jpg

About the Author

Potrebbe piacerti