Il 17 Maggio: Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia

Condividi

Il 17 maggio è la giornata mondiale contro l’omofobia, la transfobia e la bifobia.
La giornata è stata scelta per ricordare ogni anno la data in cui l’Oms definì, per la prima volta nella storia, l’omosessaulità come “una variante naturale del comportamento umano”.

Tanto è stato fatto in questi anni per intervenire contro ogni forma di intolleranza e discriminazione che si basasse sull’identità di genere e sull’orientamento sessuale ma, nonostante ciò, sono ancora tantissimi, troppi, gli episodio di discriminazione e odio ai quali è sottoposta la comunità LGBTQIA+.

Ricordiamo, in particolare, la tragedia successa la scorsa domenica 12 maggio a Barracas, un quartiere di Buenos Aires in Argentina, quando un uomo ha lanciato una bomba molotov all’interno di un appartamento abitato da quattro donne omosessuali, uccidendone tre.

Questo è l’ennesimo caso di Omofobia che accade nella capitale argentina.

Le vittime erano attiviste per la comunità LGBTQIA+ e le due coppie vivevano insieme nella stanza di un infimo albergo a Barracas, a causa delle complicate condizioni economiche.
Il responsabile del triplice omicidio è un uomo di 67 anni che, prima di essere arrestato, ha tentato il suicidio.

Ovviamente la comunità LGBTQIA+ non ha taciuto sulle faccenda, dichiarando: “E’ uno dei crimini d’odio più aberranti degli ultimi anni”.

Il fuoco della molotov ha arrecato danni ad altre 3 persone, oltre che alle coinquilina delle tre vittime. Al momento quattro persona sono ricoverate con ustioni gravi e problemi respiratori.

Al momento la Polizia argentina non ha ancora etichettato la strage come crimine d’odio a sfondo omofobo, mentre le associazioni per i diritti degli omosessuali chiedono giustizia.

I crimi d’odio, negli ultimi anni, sono in leggerissimo calo, ma non per la comunità LGBTQIA+, che tutti i giorni continua a lottare per ottenere quei diritti che ogni essere umano ha dalla nascita.

L’Associazione Il Piccole Magazine LGBTQ+ A.P.S. è sempre attiva per sostenere i membri della comunità.

About the Author

Potrebbe piacerti